le poesie

Dopo avere scritto poesie giovanili, come fanno piú o meno tutti i ragazzi, questa attività divenne per me un aiuto durante la stesura delle mie opere teatrali. Mi succedeva, a volte, scrivendo una commedia, d’impuntarmi su una situazione da sviluppare in modo da poterla agganciare piú avanti ad un’altra, e allora, messo da parte il copione, per non alzarmi dal … Continua a leggere

La poetica di un drammaturgo italiano

EDUARDO: “Teatro significa vivere sul serio quello che gli altri nella vita recitano male” di Dario Venturi La problematica della lingua nel nostro paese è sempre stata dibattuta nell’ambito teatrale; infatti le drammaturgie nostrane spesso sono dei guazzabugli di artifici linguistici e letterari distanti dalparlare comune. Di conseguenza per uno scrittore risulta difficile comprendere l’efficace costruzione di un dialogo. Il … Continua a leggere

L’enemì

L’enemì “Carmenella Benvenuto, a sapíte, ‘a pezzecata, ‘a nepote d’ ‘a malata ca se cura l’ “enemì”… ca pè bbia d’ ‘e svenimente fa na cura rinfurzata ca si chiamma… ce l’ha data nu duttore… Vítamì! Fa miracule sta cura: sò sserenghe introvinose ca nun songo dolorose… mò m’ ‘e faccio fà pur’i’! Tengo sempe nu delore, cumme fosse pesantezza… … Continua a leggere

‘A gatta d”o palazzo

‘A gatta d’ ‘o palazzo Trase p’ ‘a porta, pè nu fenestiello, pè na fenesta, si t’ ‘a scuorde aperta, quanno meno t’ ‘aspiette. Pè copp’ ‘e titte, da na loggia a n’ata, se ruciulèa pè dint’ ‘a cemmenera. E manco te n’adduone quann’è trasuta: Pè copp’ ‘o curnicione plòffete!, int’ ‘o balcone, e fa colazione dint’ ‘a cucina toia. … Continua a leggere

‘O rraù

‘O rraù ‘O rraù ca me piace a me m’ ‘o ffaceva sulo mammà. A che m’aggio spusato a te, ne parlammo pè ne parlà. Io nun sogno difficultuso; ma luvàmell’ ‘a miezo st’uso. Sì, va buono: cumme vuò tu. Mò ce avèssem’ appiccecà? Tu che dice? Chest’è rraù? E io m’a ‘o mmagno pè m’ ‘o mangià… M’ ‘a … Continua a leggere

‘ a neva

‘a neva Nu sole spaccaprete fatt’a fferz’ ‘e lenzole menate dint’ ‘e bbarche e ncopp’ a tutt’ ‘e case ammuntunate sott’ ‘o Vesuvio e ncopp’ a vocca soja zucchero in polvere, cumme si ‘e pressa ‘e pressa a uocchio a uocchio $avesse fatto uno muorzo surtanto ‘e na pasta bignè. E che cielo! Nu cielo a tavuletta trasparente e turchese. … Continua a leggere

‘ a gente

‘a gente ‘A ggente ca me vede mmiez’ ‘a via me guarda nfaccia e ride. Ride e passa. Le vene ammente na cummedia mia, se ricorda ch’è comica, e se spassa. Redite pè cient’anne! Sulamente, v’ ‘o vvoglio dì pè scrupolo ‘e cuscienza: io scrivo ‘e fatte comiche d’ ‘a ggente… E a ridere, truvate cunvenienza? …Nun credo

‘ o cunto

‘o cunto Cielo ca puntualmente ‘o mes’ ‘austo abbremecato ‘e stelle te presiente, e ca te faie cchiù blù pecché cchiù argiento cchiù splendente e brillante sti meliune ‘e stelle ‘anna parè… cielo, tu saie che ssì pè chistu munno, pè nnuie ca t’aspettammo e te vedimmo? Sì ‘o finale ncantato ‘e nu cunto ca nuie stesse ammentammo, e sulitariamente … Continua a leggere

‘ a vita

‘a vita Io songo nat’ ‘o millenoviciento e tengo n’anno. Tu sì d’ ‘o sittantotto e n’anno tiene. Chillo che dice: “Sò arrivato a ciento!” tene n’anno pur’isso. ‘O calannario nun ‘o date retta. ‘O calannario è n’atu scucciatore, ca vuluntariamente nce ‘accattammo nuje stesse e nce’ ‘o piazzammo vicin’ ‘o muro religiosamente. ‘A vita dura n’anno. Tutto ‘o ssupierchio … Continua a leggere

‘o munno d”e pparole

‘o munno d’ ‘e pparole Si t’ ‘o ddico nun me cride manco si pittass’ ‘o sole pecché ‘o munno d’ ‘e pparole mpara ll’arte d’ ‘o pparlà. E tu saje ca st’arte è l’arte ca se sceglie ‘o traditore pecché l’ommo senza core fa furtuna c’ ‘o pparlà. Io, gnorsì, pire sò chillo c’ha liggiuto e s’è applicato; c’ … Continua a leggere